Richiedi una nuova password
Informazioni sul profilo utente
Gli spazi sono consentiti; la punteggiatura non è consentita ad eccezione di punti, trattini e underscore.
Un indirizzo e-mail valido. Il sistema invierà tutte le e-mail a questo indirizzo. L'indirizzo e-mail non sarà pubblico e verrà utilizzato soltanto se desideri ricevere una nuova password o se vuoi ricevere notizie e avvisi via e-mail.
Informazioni personali
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Informazioni privacy
Dichiaro di aver letto e di accettare completamente l'informativa sul trattamento dei dati il contratto d'uso del sito (consultabili qui) e di essere maggiorenne.
Autorizzo ESTREMA srl al trattamento dei dati per finalità connesse al servizio offerto da Fotozona.it, per analisi statistiche e sondaggi d'opinione e accetto di ricevere informazioni promozionali via email.
Ai sensi e per gli effetti degli artt. 1341 e 1342 del codice civile e delle norme del d. lsg. 206/2005 ("codice del consumo"), l'Utente dichiara di aver letto attentamente e di approvare tutte le clausule presenti nel Contratto e, in particolare, gli artt. 3 (Contenuti degli utenti); 4 (Rimozione di materiali immessi, trasmessi, comunicati e/o diffusi dall'Utente); 5 (Obblighi e garanzie rese dall'Utente); 6 (Responsabilità dell'Utente); 7 (Responsabilità di ESTREMA s.r.l.); 8 (Modifiche delle Condizioni);

Mostre ed eventi

Versione stampabileVersione stampabile

Mostra: dal 07/10/2017 al 29/10/2017 Un racconto diverso delle migrazioni

Di Giulio Mandara

La mostra di Alessio Cupelli presso la sede della Provincia di Lodi è parte di progetto di ampio respiro che racconta quello che sta intorno alle immagini da “breaking news”. L'abbiamo visitata insieme al fotografo e a Fujifilm, partner del Festival

“NADAB” DI ALESSIO CUPELLI - La mostra “Nadab” di Alessio Cupelli al Festival della Fotografia Etica di Lodi ha molteplici valenze. Oltre che dal fotografo e dalla ONG InterSOS – attiva dal 1992 nel soccorso alle vittime dei disastri naturali e dei conflitti armati - che lo ha accompagnato, è stata voluta da Fujifilm, partner dell'VIII Festival della Fotografia Etica, che ci ha invitato a visitarla con la guida dell'autore. Il Festival, ci ha spiegato Alberto Prina nell'introduzione, sta avendo un grande riscontro, con 3000 visitatori solo in questa ottava edizione fino ad ora. La conclusione vedrà un evento legato agli Stati Generali della Fotografia.


Alessio Cupelli spiega ai giornalisti una delle proprie foto di "Nadab"

 

MOSTRE “CORPORATE” - “Nadab”, (“cicatrice”, in arabo) fa parte di un progetto in divenire, e inaugura una nuova serie di mostre all'interno del Festival. Le mostre “Corporate for Festival” sostenute da aziende profit che condividono il valore della responsabilità sociale d'impresa e, particolarmente in questo caso, aggiungiamo, l'intenzione del Festival di promuovere il valore di richiamo etico della fotografia, al di là e anche prima del valore artistico ed estetico, comunque ben selezionato.

OLTRE L'ATTIMO - Alessio Cupelli con questo progetto, Nadab, esplora la diaspora siriana, in Serbia, in Grecia, in Libano e in Giordania, dove i profughi sono assistiti alla ONG InterSOS. Il fotografo sceglie di realizzare e mostrare gli stessi ambienti ed eventi coperti dalle “breaking news”, cioè le fotonotizie che raggiungono giornali e televisioni, ma mostrando quello che l'immediatezza della cronaca non permette di considerare: un punto di passaggio “alternativo” di un confine vigilato, i tempi di attesa nella notte mentre tutti devono ricaricare i cellulari, i bus in arrivo e in attesa per il trasporto dei profughi, i momenti di attesa, gli sguardi delle persone al di qua e al di là di un confine nel momento in cui viene definitivamente chiuso, come accaduto sul confine tra Grecia e Macedonia a Idomeni.


Alessio Cupelli, Nadab. Alcuni siriani vengono fatti passare dalla polizia greca verso il checkpoint macedone. Idomeni, Grecia, 2015 

 

IL VALORE DEL B/N - Cupelli fotografa con una macchina discreta, un obiettivo fisso, ma non fa foto rubate: entra in relazione con la comunità, ascolta le storie, si sofferma a conoscere le persone. E sceglie il bianco e nero perché questo toglie tante suggestioni ma anche distrazioni, aiutando a concentrarsi sul contenuto dell'immagine e dandole una suggestione diversa.


Alessio Cupelli, Nadab. Uomo siriano rimasto bloccato in Grecia dopo la chiusura del confine, mentre stava cercando di raggiungere il figlio in Germania. Idomeni, Grecia, 2016 

 

SENZA GIUDICARE - In successivi viaggi Alessio Cupelli ha “coperto”, come si dice in gergo giornalistico, non solo le storie dei siriani (tra cui un uomo di settant'anni che ha lasciato partire tutta la famiglia e poi è rimasto bloccato sul confine chiuso), ma anche quelle degli afghani (“i veri invisibili”, dice Giovanni Visone di InterSOS). E le storie dei profughi in Giordania, i poveri sfruttati nei campi, mentre molti profughi siriani, ci spiegano, appartenevano in patria alla classe medio – alta.
Cupelli sceglie di dare spazio a tutti, nella sua lettura delle storie: se c'è lo sguardo ancora inconsapevole e con una luce di speranza dei bambini, c'è anche la rabbia dei profughi bloccati da un muro, ma anche lo sguardo spaventato di un poliziotto a guardia del confine, all'interno di un cordone di polizia che di lì a poco verrà travolto. L'intenzione del fotografo non è quella di giudicare, ma di raccontare, in immagini che fanno sintesi, le storie delle persone. Sono immagini che hanno una suggestione e comprensibilità anche lette senza informazioni, ma che diventano ancora più pregnanti di significato se si conoscono il contesto e le storie di chi ne è protagonista.


Alessio Cupelli, Nadab.  Bambina nel campo di Idomeni. A giorni il più grande campo d'Europa verrà sgombrato e i profughi trasferiti in altri piccoli centri. Idomeni, Grecia, 2016 

 

SEDE D'ECCEZIONE - Merita un cenno anche la location centrale della mostra (affiancata da altre che fanno parte del Festival, insieme ad altre mostre “off”, cioè fuori dalla sede centrale e sparse per la città): la mostra “Nadab” si trova nei sotterranei di due ex monasteri che ospitano la sede della Provincia di Lodi, una location antica e suggestiva a cui le immagini di Cupelli si intonano molto bene.

Informazioni
Nadab - Mostra fotografica di Alessio Cupelli
Lodi, Palazzo della Provincia, Sala delle Colonne
Via Fanfulla 12, Lodi
28 e 29 ottobre 2017 - www.festivaldellafotografiaetica.it 

Vota questo articolo:
0
Il tuo voto: Nessuno

Magazine

MAGAZINE

"Pausa", foto 1, di Riva, Gianuzzi, Marino, 1° premio Fuori Fuoco Moak 2017,
Fuori Fuoco Moak, i vincitori...
Annunciati e premiati i tre progetti vincitori, mini...
Leggi tutto »
Neomodern photographic salon
Neomodern, dalla foto con lo...
L'idea, recentemente realizzata, è di un ex...
Leggi tutto »
Altri articoli

Magazine

MAGAZINE

filtro nd manfrotto
Filtri Manfrotto
Il digitale imita l'effetto dei filtri colore, ma...
Leggi tutto »
Sony NEX-F3
La nuova mirrorless Sony d'ingresso fa un bel...
Leggi tutto »
Altri articoli

ULTIME DEL FORUM

Ultimi giorni

ULTIMI GIORNI per spedirmi le foto selezionate per il
Leggi tutto»

Caricare foto dal cell su Fotozona

Riporto una parte di post del nostro Mauro T. che
Leggi tutto»

INCONTRO FOTOZONIANI

Ci siamo quasi, sembra quasi impossibile che dopo
Leggi tutto»

Ciao a tutti!

Buongiorno a tutti! Sono Flavio, appassionato di
Leggi tutto»

Altre dal forum

Lezioni di fotografia

LEZIONI DI FOTOGRAFIA

Fuoco d'artificio - Foto di Andrea Spera
Tecnica Fotografare i fuochi d'artificio
Consigli tecnici e pratici per uno dei generi pi
Leggi tutto »
foto: © Alessandro Landozzi
Teoria L'anima non ha bisogno di nitidezza
Quando fotografia, pittura e cinema presero strade
Leggi tutto »
Altre lezioni di fotografia

Mostre ed eventi

MOSTRE ED EVENTI

Foto di Toni Thorimbert
23/11/2017 La seduzione della fotografia
Un incontro alla Reggia di Venaria col fotografo
Leggi tutto »
Roma, 2000. © Ferdinando Scianna/Magnum Photos/Contrasto
19/11/2017 Animali e umani in parole e immagini
A Bookcity Ferdinando Scianna e Franco Marcoaldi
Leggi tutto »
Altre Mostre ed Eventi

Clicky