Richiedi una nuova password
Informazioni sul profilo utente
Gli spazi sono consentiti; la punteggiatura non è consentita ad eccezione di punti, trattini e underscore.
Un indirizzo e-mail valido. Il sistema invierà tutte le e-mail a questo indirizzo. L'indirizzo e-mail non sarà pubblico e verrà utilizzato soltanto se desideri ricevere una nuova password o se vuoi ricevere notizie e avvisi via e-mail.
Informazioni personali
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Informazioni privacy
Dichiaro di aver letto e di accettare completamente l'informativa sul trattamento dei dati il contratto d'uso del sito (consultabili qui) e di essere maggiorenne.
Autorizzo ESTREMA srl al trattamento dei dati per finalità connesse al servizio offerto da Fotozona.it, per analisi statistiche e sondaggi d'opinione e accetto di ricevere informazioni promozionali via email.
Ai sensi e per gli effetti degli artt. 1341 e 1342 del codice civile e delle norme del d. lsg. 206/2005 ("codice del consumo"), l'Utente dichiara di aver letto attentamente e di approvare tutte le clausule presenti nel Contratto e, in particolare, gli artt. 3 (Contenuti degli utenti); 4 (Rimozione di materiali immessi, trasmessi, comunicati e/o diffusi dall'Utente); 5 (Obblighi e garanzie rese dall'Utente); 6 (Responsabilità dell'Utente); 7 (Responsabilità di ESTREMA s.r.l.); 8 (Modifiche delle Condizioni);

Magazine prova

Versione stampabileVersione stampabile

Tamron 18-270 mm F/3.5-6.3 Di II VC PZD

Tamron 18-270: la prova dell'obiettivo più versatile

Di Aldo Ascenti

Abbiamo provato il Tamron dei record, destinato a far discutere, nella versione per Nikon DX. Capace di un'escursione focale da 15 ingrandimenti, oggi è dotato di un nuovo di motore di messa a fuoco ultrasonico, oltre allo stabilizzatore VC. Funziona davvero?

Table of Contents:


 
FOCALE IMPOSSIBILE? -  Con corpi macchina sempre più compatti e fotocamere amatoriali dotate di zoom incredibili, sembra anacronistico per un appassionato portare in "missione" più di un obiettivo. Per non parlare della difficoltà e dei rischi di sostituire l'ottica sul campo, tanto che i professionisti preferiscono tenere in borsa più di una reflex con ottiche montate e pronte allo scatto.
Per questo hanno successo, anche per le reflex più tradizionali, obiettivi davvero tuttofare, capaci di sostituire da soli un'intera borsa piena di lenti, pur con inevitabili compromessi in termini di qualità. Appartengono a queta categoria il Nikkor 18-200 mm VR II, l'analogo Canon 18-200 IS, il Sigma 18-250 e ora questo Tamron 18-270 mm F/3.5-6.3 Di II PZD VC, che detiene al momento il record di escursione focale per questo segmento di mercato ed è disponibile con attacco Canon, Nikon o Sony.
Tutte queste ottiche, per assicurare la massima versatilità nel minimo ingombro, scacrificano luminosità, specie in tele, e coerenza dei risultati alle diverse focali, ma consentono di viaggiare leggeri adattandosi praticamente a qualsiasi inquadratura. Per questo hanno detrattori ed estimatori più o meno in egual misura.
Le foto che seguono rendono però l'idea di quale escursione focale sia ottenibile con il Tamron accoppiato a un sensore Aps-C.
 

Tamron 18-270 a 18 mm su Nikon D7000, equivalenti a 27 mm.
L'area in rosso indica la zona oggetto dello scatto in tele successivo.
 
 

Stesso scatto con focale a 270 mm, equivalenti a 405 mm
 
 

COM'É FATTO - Oggetto complesso questo Tamron 18-270 PZD, con ben 16 elementi ottici in 13 gruppi, a partire da un elemento frontale che non ruota e accetta filtri da 62mm. Il tutto infilato in uno stanttuffo a tre stadi che per contenere il peso in appena 450 grammi (!) è completamente in plastica, con la sola baionetta dell'attacco realizzata in metallo. All'interno stabilizzatore VC disinseribile e un nuovo motore di autofocus ultrasonico. Non c'è l'override manuale per la messa a fuoco, e per sbloccare l'apposita ghiera è necessario agire sul comando presente sul barilotto.
Come accade talvolta con ottiche così leggere ma con pesanti elementi frontali, il Tamron PZD è affetto da una marcata deriva dello zoom, che tenendo la fotocamera in posizione verticale, soprattutto a focali non estreme, talvolta sale o scende da solo seguendo la forza di gravità. Per evitare che si muova durante il trasporto c'è una provvidenziale levetta che lo tiene fisso in posizione di massimo grandangolo.
L'aspetto è serio, con aree gommate sulle ghiere ben sagomate, ma la scelta dei materiali porta a una sensazione al tatto inevitabilmente cheap, quanto e forse più degli obiettivi Nikon e Canon di primo equipaggiamento. L'attacco a baionetta è privo di guarnizioni contro polvere o umidità. 

 


Il Tamron si apre a tre stadi e raggiunge i 175 mm senza paraluce

ERGONOMIA E INGOMBRI - Da chiuso non arriva a 9 centimetri, ma aperto, senza paraluce, supera i 17. Il peso decisamente contenuto lo rende comunque estremamente portatile, ben bilanciato anche su fotocamere leggere, come la Nikon D5100 o la Canon 600D. La ghiera dello zoom ha dimensioni più che adeguate e un buon grip, ma il movimento risulta piuttosto contrastato e disomogeneo, rendendo quasi impossibile usarla durante le riprese video, se non si vogliono filmati da mal di mare. La regolazione della messa a fuoco manuale richiede di agire sul pulsante di sblocco, altrimenti la ghiera resta solidale al motorino e non si muove. Una serigrafia con indicazioni in metri e in piedi aiuta a intuire la distanza del soggetto. La messa a fuoco manuale con il 18-270 Tamron non è comunque un'impresa semplice: il movimeto della ghiera è troppo leggero e basta poco per fare errori, inoltre l'intera escursione della messa a fuoco si concentra in meno di un quarto di giro, limitando la precisione.
 


La baionetta è in metallo, ma priva di guarnizioni

RUMORE E VELOCITA' -  Il nuovo motore Piezo ultrasonico di Tamron rende questo obiettivo più veloce e silenzioso dei suoi predecessori. Il risultato su corpo Nikon è più che soddisfacente, anche se qualche incertezza in condizioni di luce difficili va messa in conto. La velocità e la precisione, sebbene migliorate, restano comunque leggermente inferiori a quanto ottenibile con una lente Nikkor DX, specie spingendo il Tamron agli estremi del suo range focale. Se l'autofocus è adeguatamente silenzioso, il sistema di riduzione delle vibrazioni, quando attivato, si fa sentire con un leggero miagolio, che inevitabilmente viene catturato dal microfono interno della fotocamera in caso di riprese filmate.
Per quanto riguarda la luminosità, la tabella di seguito mostra il massimo e minimo diaframma alle diverse focali:
 

Focale Diaframma max Diaframma min
18 mm 3.5 22
35 mm 4.5 29
50 mm 5 32
70 mm 5.6 36
100 mm 6 36
200 mm 6.3 40
270 mm 6.3 40

Si può notare come la velocità dell'obiettivo decresca molto rapidamente al crescere della focale. Per un confronto il Nikon 18-200 VR II a 100 mm consente un'apertura massima di 5.3. Da questo valore di focale in su le prestazioni velocistiche del Tamron però non decadono ulteriormente in modo significativo fino al massimo tele. 


Tamron 18-270 mm F/3.5-6.3 Di II VC PZD
Prezzo:
Sul Web €490 a €600, disponibile per Nikon, Canon e Sony
Giudizio:
7/10

I pro:
  • Straordinariamente versatile
  • Nitido al centro
  • Stabilizzatore efficace
  • Assenza di fringing
  • Prezzo contenuto
I contro:
  • Costruzione economica
  • Deriva dello zoom
  • Resa ottica incostante
  • No override AF
  • Luminosità modesta da 100 mm in su

Pagella
Qualità ottiche:
6.5/10

Velocità AF:
7/10

Costruzione:
5.5/10

Ergonomia:
7/10

Prezzo:
8/10

Termini correlati all'articolo:
Vota questo articolo:
5
Il tuo voto: Nessuno Voto medio: 5 (3 voti)

Commenti

Una bellissima prova di

Una bellissima prova di questo obiettivo, mi ha chiarito molti aspetti, infatti ero rimasto molto sorpreso dalla sua esagerata versatilità e prezzo abbastanza contenuto.

P.s. sono molto curioso di vedere il seguito delle prove sulla Nikon D7000.

Grazie ed ancora complimenti

Ritratto di athos2075
di athos2075

Iscritto dal 23 agosto 2011

Ottima prova davvero.. Molto

Ottima prova davvero.. Molto utile e ben dettagliata..

Ritratto di mirko588
di mirko588

Iscritto dal 10 settembre 2011

me lo sono fatto. Che dire

me lo sono fatto.
Che dire ..ottimo nella sua versatilita, veloce - ottimo lo stabilizzatore che ti permette di lavorare molto bene a mano libera .Non posso esprimermi sulla qualita ...del resto non puoi avere tutto .
Qui una macchina, un obbiettivo..e tanta voglia di sbizzarirsi.
Una nota negativa ...sull'uso del polarizzatore: diciamo che dopo la focale 135/150 si nota una difficolta di messa a fuoco percio meglio levarlo....

Ritratto di gitiso
di gitiso

Iscritto dal 03 febbraio 2012

Magazine

MAGAZINE

sensore caltech fuoco senza ottica
Si prepara la "lensless...
Prima le reflex senza specchio, la prossima tappa,...
Leggi tutto »
Zeiss Milvus 35 mm f/1.4, foto esempio fornita da Zeiss
Zeiss Milvus 35 mm f/1.4,...
Proprio così lo definisce il product manager...
Leggi tutto »
Altri articoli

Magazine

MAGAZINE

filtro nd manfrotto
Filtri Manfrotto
Il digitale imita l'effetto dei filtri colore, ma...
Leggi tutto »
Sony NEX-F3
La nuova mirrorless Sony d'ingresso fa un bel...
Leggi tutto »
Altri articoli

ULTIME DEL FORUM

Ciao a tutti. Gabriele da Padova

Carissimi. Un saluto a tutti. Sono un amatore della
Leggi tutto»

problemi

Chiedo venia, ho cambiato computer, ho messo la pass
Leggi tutto»

Presentazione

Salve, vari anni fa mi ero iscritto, ma poi mi sono
Leggi tutto»

Cambiano le regole

Stiamo entrando nell'ultima fase del libro e
Leggi tutto»

Altre dal forum

Lezioni di fotografia

LEZIONI DI FOTOGRAFIA

foto: © Salvatore Giordano
Tecnica Dimmi come fotografi e ti dirò chi sei
Come è nata la moda delle “foto ricordo
Leggi tutto »
foto: © Agnieszka Slowik-Turinetti
Tecnica Equilibri, pesi e misure
A partire dalla percezione che abbiamo degli spazi all
Leggi tutto »
Altre lezioni di fotografia

Mostre ed eventi

MOSTRE ED EVENTI

Canon 365 days of summer
dal 17/05/2017 al 28/06/2017 Un anno intorno al mondo con Canon
Questo il premio del contest su Instagram “365
Leggi tutto »
E' stato il figlio - Famiglia ph Iacovelli - Zayed
dal 17/06/2017 al 03/09/2017 La famiglia italiana nella fotografia
Oltre 200 scatti di noti fotografi non solo italiani
Leggi tutto »
Altre Mostre ed Eventi

Clicky