Richiedi una nuova password
Informazioni sul profilo utente
Gli spazi sono consentiti; la punteggiatura non è consentita ad eccezione di punti, trattini e underscore.
Un indirizzo e-mail valido. Il sistema invierà tutte le e-mail a questo indirizzo. L'indirizzo e-mail non sarà pubblico e verrà utilizzato soltanto se desideri ricevere una nuova password o se vuoi ricevere notizie e avvisi via e-mail.
Informazioni personali
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Informazioni privacy
Dichiaro di aver letto e di accettare completamente l'informativa sul trattamento dei dati il contratto d'uso del sito (consultabili qui) e di essere maggiorenne.
Autorizzo ESTREMA srl al trattamento dei dati per finalità connesse al servizio offerto da Fotozona.it, per analisi statistiche e sondaggi d'opinione e accetto di ricevere informazioni promozionali via email.
Ai sensi e per gli effetti degli artt. 1341 e 1342 del codice civile e delle norme del d. lsg. 206/2005 ("codice del consumo"), l'Utente dichiara di aver letto attentamente e di approvare tutte le clausule presenti nel Contratto e, in particolare, gli artt. 3 (Contenuti degli utenti); 4 (Rimozione di materiali immessi, trasmessi, comunicati e/o diffusi dall'Utente); 5 (Obblighi e garanzie rese dall'Utente); 6 (Responsabilità dell'Utente); 7 (Responsabilità di ESTREMA s.r.l.); 8 (Modifiche delle Condizioni);

Magazine news

Versione stampabileVersione stampabile

Straw Camera

Straw Camera, 32000 cannucce per macchina fotografica

Di Giulio Mandara

Il progetto, partito nel 2007, è degli inglesi Michael Farrell e Cliff Haynes, ed è passato per diversi esperimenti. Oggi le foto “puntiniste” ottenute sono in mostra a Londra e pubblicate in un libro

32000 CANNUCCE PER UNA FOTOCAMERA - Se oltre alla passione della fotografia avete quella dei fai-da-te, un'idea potrebbe essere quella di ricostruire la prima versione della Straw Camera. Che si inserisce in quel filone del “ritorno all'analogico” e all'artigianale che continua ad avere successo,  e soprattutto nel filone della fotografia “lomo”.
Si tratta di una macchina fotografica rudimentale e (appunto) artigianale in cui l'obiettivo è formato da 32000 cannucce. In pratica, 32000 fori stenopeici, da cui far entrare la luce nella camera oscura. Che nella prima versione della Straw Camera era costituita da una scatola di legno da 20” x 24” (circa 50 x 60 cm). Ogni cannuccia è di 2 mm di diametro, è lunga 254 mm. Apertura del “diaframma” ottenuto, circa f/127. Dalla parte opposta della scatola, naturalmente, c'è la pellicola, prima in bianco e nero, poi a colori.


La prima Straw Camera

 

GLI IDEATORI - La Straw Camera è nata a partire dal 2007 dalla collaborazione di due artisti inglesi, Michael Farrell e Cliff Haynes. La riproduzione di quanto ripreso, scrive Haynes, è in scala 1:1. è come avere tanti fori stenopeici quante sono le cannucce impiegate. Immagini multiprospettiva, con effetto “puntinista” (volendosi rifare al puntinismo, movimento pittorico francese di fine Ottocento).

 

 

 

LA VERSIONE DEFINITIVA - I risultati però, racconta Haynes, non erano soddisfacenti, cambiavano ogni volta che si aggiungeva qualche cannuccia, e queste non erano mai perfettamente omogenee, e di conseguenza non lo erano le immagini ottenute, inizialmente ritratti, ma non solo. Una fase intermedia della Straw Camera prevedeva l'uso di una pellicola davanti alle cannucce, per tenerle ben allineate e non farle cadere, ma questa causava un'eccessiva perdita di luce.
E così Haynes ha pensato a una soluzione per ottenere risultati migliori: al posto delle cannucce, plastica nera ondulata. A realizzare la Straw Camemra Mark II ci pensò Farrell praticamente da solo.


La nuova versione della Straw Camera

 

MOSTRA E LIBRO - In questi giorni le fotografie ottenute con la Straw Camera sono in esposizione a Londra, Slade Research Center, University College of London, dal 16 al 19 febbraio dalle 12 alle 17. Alla Straw Camera è dedicato anche un libro. Le foto sono sopratutto ritratti, realizzati anche come “contrappunto” alla mania dei selfie; e inoltre, come scrive Haynes, dà allo spettatore un assaggio di quanto fugace sia la percezione.

 

Fonte: Strawcamera.com

Vota questo articolo:
0
Il tuo voto: Nessuno

Magazine

MAGAZINE

Solarcan
Solarcan, lattina a foro...
Un team di creativi con la passione per il riciclo e...
Leggi tutto »
Sony A9
Sony A9, Evil full frame...
Con il feedback degli utenti della serie A7, Sony ha...
Leggi tutto »
Altri articoli

Magazine

MAGAZINE

filtro nd manfrotto
Filtri Manfrotto
Il digitale imita l'effetto dei filtri colore, ma...
Leggi tutto »
Sony NEX-F3
La nuova mirrorless Sony d'ingresso fa un bel...
Leggi tutto »
Altri articoli

ULTIME DEL FORUM

Aggiungere foto

ciao a tutti, è da diverso tempo che non frequento
Leggi tutto»

Username

Il mio username non mi piace, ho esigenza di cambiare
Leggi tutto»

Gare nazionali scherma a Riccione

Il 2 maggio saremo a Riccione per gara nazionale. Nei
Leggi tutto»

Helmut Newton a Napoli

Ciao a tutti! C'è Helmut Newton a Napoli al PAN,
Leggi tutto»

Altre dal forum

Lezioni di fotografia

LEZIONI DI FOTOGRAFIA

Alphonse Lamartine - Proclamazione della repubblica davanti al Municipio
Storia della fotografia M. Thibault
Una vicenda che sfata il mito della fotografia
Leggi tutto »
Mauro Villone, Favelas
Esperienze fotografiche Il "fancazzismo attivo" in fotografia
Riflessioni di un “quasi ex fotografo”
Leggi tutto »
Altre lezioni di fotografia

Mostre ed eventi

MOSTRE ED EVENTI

Foto di Jessica Zambellini
dal 20/04/2017 al 20/06/2017 Photofestival 2017, la fotografia da Milano al mondo
12a edizione del circuito di mostre nato nel Photoshow
Leggi tutto »
Gianni Oliva, Varanasi, 2016, mostra Indian Frames
dal 20/04/2017 al 02/05/2017 L'India di Gianni Oliva
Il fotografo italiano ha visitato di recente il Paese
Leggi tutto »
Altre Mostre ed Eventi

Clicky