Richiedi una nuova password
Informazioni sul profilo utente
Gli spazi sono consentiti; la punteggiatura non è consentita ad eccezione di punti, trattini e underscore.
Un indirizzo e-mail valido. Il sistema invierà tutte le e-mail a questo indirizzo. L'indirizzo e-mail non sarà pubblico e verrà utilizzato soltanto se desideri ricevere una nuova password o se vuoi ricevere notizie e avvisi via e-mail.
Informazioni personali
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Informazioni privacy
Dichiaro di aver letto e di accettare completamente l'informativa sul trattamento dei dati il contratto d'uso del sito (consultabili qui) e di essere maggiorenne.
Autorizzo ESTREMA srl al trattamento dei dati per finalità connesse al servizio offerto da Fotozona.it, per analisi statistiche e sondaggi d'opinione e accetto di ricevere informazioni promozionali via email.
Ai sensi e per gli effetti degli artt. 1341 e 1342 del codice civile e delle norme del d. lsg. 206/2005 ("codice del consumo"), l'Utente dichiara di aver letto attentamente e di approvare tutte le clausule presenti nel Contratto e, in particolare, gli artt. 3 (Contenuti degli utenti); 4 (Rimozione di materiali immessi, trasmessi, comunicati e/o diffusi dall'Utente); 5 (Obblighi e garanzie rese dall'Utente); 6 (Responsabilità dell'Utente); 7 (Responsabilità di ESTREMA s.r.l.); 8 (Modifiche delle Condizioni);

Magazine approfondimento

Versione stampabileVersione stampabile

Sotto il cofano di Photoshop CC

Di Giulio Mandara

In un seminario con Matteo Oriani, Senior Solution Consultant di Creative Cloud presso Adobe Italia, abbiamo approfondito alcuni aspetti dell'ultima versione del software di fotoritocco più famoso, che si arricchisce nel senso della condivisione con altri mondi, il design e il web

ADOBE RACCONTA PHOTOSHOP CC - Photoshop Creative Cloud 2014 è stato presentato in Italia circa un mese fa, ma poi i responsabili di Adobe anche in Italia hanno cominciato un “tour” di presentazioni che durano ancora adesso, tra le quali una dedicata proprio a Photoshop, con Matteo Oriani, Senior Solution Consultant Creative Cloud - DPS & SEM DI Pro presso Adobe Systems Italia e il primo in Italia a conseguire la ACI (Adobe Certified Instructor) in Photoshop e InDesign.
Nessuno quindi meglio di lui per andare ad approfondire qualche aspetto “sotto il cofano” del nuovo Photoshop, che cerchiamo di riassumere sinteticamente.

LA GESTIONE DELLE LICENZE - Intanto, entrando nella Creative Cloud Photoshop diventa più condiviso e collaborativo, come gli altri programmi per la creatività Adobe (Illustrator, InDesign, Premiere ecc.): accanto all'abbonamento per privati c'è quello per piccole imprese (offerta Creative Cloud for Teams) e Creative Cloud Enterprise per le grandi aziende. In questi casi è possibile registrare presso la cloud Adobe un dominio e autenticare direttamente tutti gli utenti che hanno una mail registrata in quel dominio. Per di più l'amministratore di rete può gestire gli accessi ai diversi software a seconda delle necessità aziendali, definendo così i gruppi di lavoro e anche i livelli di sicurezza. E ancora, decidere di distribuire in modo dinamico lo spazio di archiviazione in cloud tra gli utilizzatori della licenza.
Ancora a proposito della gestione licenze va detto che scompaiono i supporti d'installazione, solo l'amministratore di rete avrà un Creative Cloud Packager, e sarà lui a validare le licenze con i numeri di serie abbinati agli accont a livello di server. Questa soluzione è valida solo per le licenze di tipo Enterprise, per le grandi organizzazioni, e serve anche a permettere di lavorare offline con gli applicativi ancora su supporto fisico, per esempio il DVD.


I piani tariffari di Creative Cloud 2014

VANTAGGI DEL CLOUD - Avvicinandoci però all'uso individuale, che ci interessa di più come fotoamatori, ricordiamo che il pacchetto dedicato ai fotografi a 12.99 Euro al mese è diventato definitivo, e comprende Photoshop CC, Lightroom 5.5 e i servizi della Creative Cloud, compresi 20 GB di storage online e gli aggiornamenti automatici. I prezzi vanno poi da 24.59 Euro al mese per l'app singola a 61.49 Euro al mese per il pacchetto completo, scontati a 36.89 Euro mensili per chi ha già o acquista preventivamente almeno la CS3.
Cloud significa anche maggiore facilità di condivisione, di accesso alle risorse aggiuntive e maggiore potenza di calcolo. Così, è possibile condividere tra utenti le cartelle di lavoro, che però rispetto alla versione precedente hanno cambiato posizione nello spazio di lavoro. Non c'è più la voce menu separata “Cartelle”, che ora si trova tra le Risorse, insieme a Font, File e Market. La cartella condivisa viene copiata sul desktop di destinazione e tutto si tiene sotto controllo, con la possibilità di tornare indietro grazie alla cronologia e alla copia d'archivio delle versioni dei file.

GLI ADD-ON E I PLUGIN - Per quanto riguarda le risorse aggiuntive, gli add-on sono ora tutti concentrati nel Market, che comprende anche risorse gratuite, e sono accessibili direttamente dal sito Adobe; per esempio sono disponibili 500 clipart al mese gratuite, fatte dagli utenti Adobe nel rispetto delle regole Creative Common. Addon e plugin sono direttamente disponibili e acquistabili, se si tratta di risorse a pagamento, dal portale Adobe, senza passare dal sito del produttore; se sono registrato come utente business, la valuta sarà in dollari. Gli elementi installati sono tutti attivabili e disattivabili, e ne viene tenuta una cronologia.
Sempre restando al portale Adobe bisogna accennare a un concetto importante per la comunità dei creativi, consentita dalla logica della nuvola virtuale (cloud): il profilo creativo. Se un utente è abbonato alla Creative Cloud, può identificarsi come tale e accedere direttamente alle fotografie e a tutte le lavorazioni dai diversi device.


La nuova home page italiana di Adobe 

NUOVI STRUMENTI DI EDITING - Quanto al ritocco, Photoshop Creative Cloud si arricchisce di microfunzionalità, come la simulazione dell'effetto stoboscopico dato da una sequenza di lampi di flash, in cui è possibile regoare la potenza del lampo e la sua frequenza. Inoltre si può simulare, come già precedentemente, il filtro di rotazione. Con una semplice Focus Mask l'effetto del mosso, o del fuori fuoco, si regola in modo dinamico in varie parti dell'immagine; si può scegliere di orientare la sfocatura in direzioni diverse nei singoli punti; la maschera limita l'effetto sfocatura, e questa può essere convertita in oggetto.


L'esempio Adobe che illustra l'effetto sfocatura rotazione e flash stroboscopico a diverse frequenze; la A è l'immagine di partenza

VERSO IL DESIGN E IL WEB - E a proposito di oggetti, ora con Photoshop CC anche il programma di ritocco, come altri (per esempio InDesign) gestisce gli oggetti collegati come tali, non inseriti nel file ma tramite link. Una novità importante non tanto nelle funzionalità, quanto nell'architettura e nell'impostazione di Creative Cloud 2014 è che Photoshop, rimanendo il potente programma di ritocco che moltissimi conoscono, prende una diversa piega e si orienta maggiormente verso il design, la progettazione e il layout web.
Esempi in questo senso sono le Smart Guide, già disponibili in Illustrator e in InDesign, che permettono di lavorare più facilmente con gli oggetti, posizionandoli con precisione e individuandone le distanze reciproche; un altro strumento fondamentale è il generatore, grazie al quale è già possibile, pur rimanendo nella logica e nella competenza del grafico, del creativo, del fotografo, del designer, preparare il terreno al programmatore che dovrà inserire i contenuti preparati con gli applicativi Adobe (foto e video inclusi) nelle pagine web.
Il Generatore (di codice, potremmo sottointendere), per giunta, è in assoluto il primo elemento opensource di Photoshop, creato da terzi e aperto a modifiche ed evoluzioni da parte della comunità degli sviluppatori. Photoshop in base agli oggetti e ai livelli inseriti nei file genera asset, strumenti di lavoro, e parte di codice html che poi verranno gestiti da Reflow, software per realizzare il layout di siti responsive (a differenza di Adobe Muse, che crea siti web non responsive), cioè in grado di adattarsi alla risoluzione del device (PC, smartphone o tablet o TV) su cui viene visualizzato.
Un altro strumento opensource, sia pure molto di nicchia, è un plugin destinato alla stampa 3D: la possibilità di esportare come un file le correzioni colore in Photoshop. A svilupparlo, Christopher Brian Cox, uno degli “archtects” di Photoshop fin dal 1996.


Una schermata di Photoshop con in evidenza la voce di menu per collegare un oggetto

PHOTOSHOP PER IL MOBILE - A proposito di cloud e apertura delle piattaforme, un ultimo accenno va fatto alle versioni mobile di Photoshop e ai nuovi strumenti collegati. Se Adobe Sketch e Adobe Line sono destinate a realizzare rispettivamente disegni a schizzi o con linee geometriche, grazie anche alla penna Adonit personalizzata Aodbe, che contiene anche il profilo utente, e poi lavorare le foto in Photoshop versione desktop, lo stesso Photoshop ha le sue controparti versione tablet.
La principale è Photoshop Touch, versione light di Photoshop, che permette di usare effeti e livelli come il Photoshop maggiore, e salvare i file completi di livelli; Photoshop Express consente il ritocco leggero, ed è destinato all'utente “prosumer”; entrambi comunque, pur potendosi interfacciare con Photoshop versione desktop su cui finalizzare i lavori di fino, sono app indipendenti e gratuite, che salvano file Jpeg e Png.
La novità è Photoshop Mix, sviluppato per iPad - il nome viene dalla funzione di mescolanza delle immagini consentita dall'app - sviluppato con lo stesso SDK di Photoshop CC e Lightroom 5.5. Questi applicativi sfruttano la Creative Cloud per un vero cloud computing, come detto all'inizio: tranne alcune eccezioni, non gestiscono l'intera immagine a piena risoluzione, che peserebbe troppo sulle risorse hardware di un device portatile, ma solo su un rendering alla risoluzione massima del device, per esempio la risoluzione Retina. È la correzione che viene salvata e poi riportata per sincronizzazione nel file originale. Anche per quanto riguarda la correzione da fare, viene estrapolata solo la parte d'immagine interessata e inviata in cloud, che calcola la modifica, la effetua e rimanda il file coretto all'applicazione sul dispositivo. Questa funzionalità è indicata dalla presenza del simbolo del cloud. Anche nel caso di Lightroom, Lightroom Mobile dà accesso alla Creative Cloud e alla libreria, sincronizzando tra app desktop e tablet 1 MB per file e non l'intera libreria originale.  


La funzione ritaglio in Photoshop Mix

Vota questo articolo:
0
Il tuo voto: Nessuno

Magazine

MAGAZINE

Zenitar 0.95 | 50
Zenitar 50 mm f/0.95,...
Tutta manuale e senza parti in plastica, pesa oltre 1...
Leggi tutto »
Yongnuo YN450
Yongnuo YN450, come uno...
Strano ibrido anticipato al CP+ 2019: il dorso...
Leggi tutto »
Altri articoli

Magazine

MAGAZINE

filtro nd manfrotto
Filtri Manfrotto
Il digitale imita l'effetto dei filtri colore, ma...
Leggi tutto »
Sony NEX-F3
La nuova mirrorless Sony d'ingresso fa un bel...
Leggi tutto »
Altri articoli

ULTIME DEL FORUM

Voto fotografia

Ciao a tutti, sono nuovo di Fotozona. Vorrei sapere
Leggi tutto»

Vendo Lente Sigma SA Mount

Vendo Sigma 10-20mm f/3.5 EX DC HSM attacco Sigma SA
Leggi tutto»

Aiuto!!!

Ho cambiato PC ed ora non riesco più a caricare le
Leggi tutto»

Altre dal forum

Lezioni di fotografia

LEZIONI DI FOTOGRAFIA

Francesca Santoro, Guardando verso il basso
Teoria La fantasia è un soggetto difficile
Riprendere con originalità anche gli scenari
Leggi tutto »
Lago Inle, foto di Max Ferrero
Postproduzione Il bianco e nero che migliora il colore
Foto in bianco e nero e foto a colori non sono
Leggi tutto »
Altre lezioni di fotografia

Mostre ed eventi

MOSTRE ED EVENTI

Franco Fontana, Riccione, 1961
dal 23/03/2019 al 25/08/2019 Franco Fontana gioca in casa
Modena dedica una lunga retrospettiva al fotografo a
Leggi tutto »
Robert Mapplethorpe, Self Portrait, 1988
dal 15/03/2019 al 30/06/2019 Mapplethorpe alla Galleria Corsini
Un inedito accostamento delle opere del fotografo
Leggi tutto »
Altre Mostre ed Eventi

n/d