Richiedi una nuova password
Informazioni sul profilo utente
Gli spazi sono consentiti; la punteggiatura non è consentita ad eccezione di punti, trattini e underscore.
Un indirizzo e-mail valido. Il sistema invierà tutte le e-mail a questo indirizzo. L'indirizzo e-mail non sarà pubblico e verrà utilizzato soltanto se desideri ricevere una nuova password o se vuoi ricevere notizie e avvisi via e-mail.
Informazioni personali
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Informazioni privacy
Dichiaro di aver letto e di accettare completamente l'informativa sul trattamento dei dati il contratto d'uso del sito (consultabili qui) e di essere maggiorenne.
Autorizzo ESTREMA srl al trattamento dei dati per finalità connesse al servizio offerto da Fotozona.it, per analisi statistiche e sondaggi d'opinione e accetto di ricevere informazioni promozionali via email.
Ai sensi e per gli effetti degli artt. 1341 e 1342 del codice civile e delle norme del d. lsg. 206/2005 ("codice del consumo"), l'Utente dichiara di aver letto attentamente e di approvare tutte le clausule presenti nel Contratto e, in particolare, gli artt. 3 (Contenuti degli utenti); 4 (Rimozione di materiali immessi, trasmessi, comunicati e/o diffusi dall'Utente); 5 (Obblighi e garanzie rese dall'Utente); 6 (Responsabilità dell'Utente); 7 (Responsabilità di ESTREMA s.r.l.); 8 (Modifiche delle Condizioni);

Magazine approfondimento

Versione stampabileVersione stampabile

La Nikon Z 7 live e i primi scatti

Di Giulio Mandara

Abbiamo partecipato alla presentazione alla stampa del sistema Nikon Z: la filosofia di Nikon, il progetto, le macchine dal vivo e gli scatti di prova con un esemplare di preserie

LA TEMPISTICA DI NIKON - Sapendo di dover partecipare all'Opne Day Nikon a Milano per la presentazione delle mirrorless full frame Nikon Z avevamo già pronta la domanda: perché l'avete fatto solo adesso?
Risposta duplice: al progetto Nikon Z, accompagnato dal claim “mirrorless reinvented” hanno lavorato i massimi ingegneri Nikon per ben cinque anni.
Seconda risposta: l'intenzione non era solo di rispondere alla concorrenza ma creare qualcosa di concettualmente diverso: un sistema nuovo, che apre a un futuro ricco di sviluppi.

SENZA FRETTA - Certo, Sony è arrivata prima e Roberto Bachis di Nikon ammette che “il primo anno abbiamo accusato il colpo”, ma un brand con 100 anni di storia, il parco ottiche più ricco del mercato reflex e tra l'altro l'unico esclusivamente legato al mondo fotografico a proporre fotocamere professionali (Canon, Rioch e Sony hanno linee di prodotto molto diverse) non poteva certo precipitarsi a rispondere con un prodotto qualunque.


La Nikon Z 7 "a confronto" con una mirrorless Nikon 1

 

AL CENTRO DI TUTTO LO Z-MOUNT - Così, Nikon ha lavorato a lungo per “reinventare la mirrorless”: al cuore del nuovo sistema Z c'è l'abbinamento tra flangia dal tiraggio molto ridotto (16 mm) e diametro dell'innesto (55 mm). Due soluzioni che permettono di raccogliere molta più luce, mantenere la luminosità dell'immagine su tutto il fotogramma e sperimentare schemi ottici diversi. Questo cambio di sistema, il primo in casa Nikon su fotocamere professionali, significa poter recuperare – ha spiegato il tecnico Giuseppe Maio - praticamente uno stop di luminosità delle ottiche rispetto alle loro caratteristiche native.

 

RIVESTIMENTO EXTRA - Tra l'altro, tra le novità del sistema, ricordate dal fotografo e videomaker Gianfranco Corigliano (invitato a provare in due giorni le Nikon Z 7 e Nikon Z 6 insieme al fotografo Alberto Panizza, c'è un trattamento antiriflesso contro le infiltrazioni di luce in verticale sull'obiettivo, oltre al consueto Nano Crystal.

DUE FOTOCAMERE QUASI UGUALI - Giuseppe Majo nella presentazione ai giornalisti non si è dilungato in tecnicismi ma ha spiegato i parametri fondamentali: il riferimento alla Nikon D850, giudicata “la più bella reflex sul mercato”, che Nikon stesso ha tenuto come punto di riferimento nello sviluppo delle prime Nikon Z. La sostanziale identità delle due nuove mirrorless, la Z 7 e la Z 6, che si distinguono solo per gli elementi tecnici legati alla diversa risoluzione. Rispettivamente 45.7 e 24.5 Megapixel, video time lapse 8K e 6K, raffica a 9 fps e 12 fps, massimo valore ISO. Per il resto, dall'ergonomia alle funzionalità, la macchina è la stessa.

 

ALCUNI PUNTI DI FORZA - Tra i punti salienti da segnalare, lo schermo orientabile touch, l'estensione delle potenzialità Wireless, l'aggiunta di Log nei video (che significa estensione della gamma tonale), l'eccezionale risoluzione del mirino elettronico, elemento critico delle mirrorless rispetto alle reflex, ma che con i suoi 3.2 Megapixel assolve egregiamente il suo compito. Altra nota per i video: è possibile trasmettere il segnale non compresso via Hdmi a registratori esterni, il cui avvio di registrazione si può controllare anche dalla Nikon Z.

 

SOLO AF A CONTRASTO - Rispetto a quello che hanno fatto vari concorrenti, le Nikon Z hanno solo la messa a fuoco a contrasto e non un sistema ibrido. Infine, l'aggiunta dello stabilizzatore a 5 assi sul sensore non pregiudica la possibilità di usare lo stabilizzatore delle ottiche Nikon F (utilizzabili sulle Nikon Z con adattatore che modifica solo la misura dell'innesto), in alternativa o in combinazione.

 

LA SCELTA DELLE XQD - Tra gli aspetti che hanno fatto subito discutere gli appassionati in Rete ci sono la scelta del solo slot XQD, standard introdotto da Nikon da 5 anni ma ancora poco diffuso, e la durata della batteria. Per quest'ultimo aspetto, secondo Alberto Panizza è possibile realizzare una serie in focus stacking (quindi decine e decine di foto per montare un'immagine tutta a fuoco) perdendo solo il 20% di batteria. Quindi nessun timore di cali rapidi, anche se naturalmente avere schermi sempre accesi aumenta il consumo rispetto alla batteria di una reflex che può lavorare a schermi spenti. Con la batteria in dotazione è possibile anche la ricarica via USB.
Per il primo aspetto, la scelta di Nikon è stata quella di puntare su uno standard qualitativo e di velocità che le popolari SD non potranno raggiungere. E comunque, anche sulla spinta delle nuove mirrorless, i nuovi standard Cfast e XQD si diffonderanno rapidamente (la CF Card Association ha già pronti gli accordi con varie aziende per la produzione delle nuove schede).

PRIMO CONTATTO CON LA NIKON Z 7 - La breve prova che abbiamo potuto fare nello spazio Solferino 40, sede della presentazione, ci ha dato la sensazione di macchine molto solide, relativamente leggere (sono in lega di magnesio e tropicalizzate entrambe), ma decisamente più leggere delle reflex anche della serie D3000 (mancando sia il box specchio sia il modulo AF Multicam).

ERGONOMIA AZZECCATA - Comoda l'impugnatura, che lascia spazio per appoggiare le dita, e tasti posizionati dove l'utente Nikon si aspetta di trovarli. Tutte le ghiere sono ampiamente personalizzabili, compresa la ghiera della messa a fuoco sull'ottica quando si usa l'AF. I tasti sono un po' piccoli ma ben manovrabili.
Ottima la nitidezza del mirino elettronico e anche del monitor touch principale da 3.2”. Ai Nikonisti l'azienda non ha fatto mancare il display superiore, qui a colori, a cui li aveva abituati nelle reflex.

SCATTI DI PRESERIE - Oltre alle foto live, riportiamo qualche scatto di prova, realizzato in automatico con la Nikon Z 7 di preserie, dotata di firmware non definitivo, e in Jpeg (scatti in Raw non ancora autorizzati). Con il nuovo obiettivo Nikon Z S 24-70 mm. 


Le ragazze dell'ufficio stampa Nikon (Clicca sulla foto per andare all'originale a piena risoluzione).

 


La modella sul set allestito a beneficio dei giornalisti (Clicca sulla foto per andare all'originale a piena risoluzione).

 


L'ingresso dello spazio Solferino 40 che ha ospitato la presentazione milanese delle Nikon Z

 

TIME TO MARKET - La Nikon Z 7 arriverà a fine settembre con i primi due obiettivi, lo zoom e il 35 mm. A fine novembre la Z 6 e il 50 mm. A seguire arriveranno naturalmente altre ottiche dedicate alle Nikon Z.

Vota questo articolo:
0
Il tuo voto: Nessuno

Magazine

MAGAZINE

Huawei P30 lite
Huawei P30 lite, creatività...
Tre fotocamere, di cui una ultra grandangolare,...
Leggi tutto »
foto di Lorenzo Tugnoli, vincitore premio Pulitzer 2019 Feature Photography
Un italiano tra i vincitori...
Lorenzo Tugnoli del Washington Post vince nella...
Leggi tutto »
Altri articoli

Magazine

MAGAZINE

filtro nd manfrotto
Filtri Manfrotto
Il digitale imita l'effetto dei filtri colore, ma...
Leggi tutto »
Sony NEX-F3
La nuova mirrorless Sony d'ingresso fa un bel...
Leggi tutto »
Altri articoli

ULTIME DEL FORUM

Effetto quotidiano - regole d'ingaggio

Come avete potuto constatare, è iniziato un
Leggi tutto»

Voto fotografia

Ciao a tutti, sono nuovo di Fotozona. Vorrei sapere
Leggi tutto»

Vendo Lente Sigma SA Mount

Vendo Sigma 10-20mm f/3.5 EX DC HSM attacco Sigma SA
Leggi tutto»

Aiuto!!!

Ho cambiato PC ed ora non riesco più a caricare le
Leggi tutto»

Altre dal forum

Lezioni di fotografia

LEZIONI DI FOTOGRAFIA

Francesca Santoro, Guardando verso il basso
Teoria La fantasia è un soggetto difficile
Riprendere con originalità anche gli scenari
Leggi tutto »
Lago Inle, foto di Max Ferrero
Postproduzione Il bianco e nero che migliora il colore
Foto in bianco e nero e foto a colori non sono
Leggi tutto »
Altre lezioni di fotografia

Mostre ed eventi

MOSTRE ED EVENTI

Valentina Tamborra, Milano, mostra "Poveri noi"
dal 09/05/2019 al 02/06/2019 I nuovi poveri che non si arrendono
Le fotografie di Valentina Tamborra e i racconti di
Leggi tutto »
Federica Zucchini, Lessico Famigliare 02, Portfolio Italia 2018
dal 12/04/2019 al 14/04/2019 Al via da Napoli Portfolio Italia 2019
Come nel 2018, l’avvio è in concomitanza
Leggi tutto »
Altre Mostre ed Eventi

n/d