Richiedi una nuova password
Informazioni sul profilo utente
Gli spazi sono consentiti; la punteggiatura non è consentita ad eccezione di punti, trattini e underscore.
Un indirizzo e-mail valido. Il sistema invierà tutte le e-mail a questo indirizzo. L'indirizzo e-mail non sarà pubblico e verrà utilizzato soltanto se desideri ricevere una nuova password o se vuoi ricevere notizie e avvisi via e-mail.
Informazioni personali
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Informazioni privacy
Dichiaro di aver letto e di accettare completamente l'informativa sul trattamento dei dati il contratto d'uso del sito (consultabili qui) e di essere maggiorenne.
Autorizzo ESTREMA srl al trattamento dei dati per finalità connesse al servizio offerto da Fotozona.it, per analisi statistiche e sondaggi d'opinione e accetto di ricevere informazioni promozionali via email.
Ai sensi e per gli effetti degli artt. 1341 e 1342 del codice civile e delle norme del d. lsg. 206/2005 ("codice del consumo"), l'Utente dichiara di aver letto attentamente e di approvare tutte le clausule presenti nel Contratto e, in particolare, gli artt. 3 (Contenuti degli utenti); 4 (Rimozione di materiali immessi, trasmessi, comunicati e/o diffusi dall'Utente); 5 (Obblighi e garanzie rese dall'Utente); 6 (Responsabilità dell'Utente); 7 (Responsabilità di ESTREMA s.r.l.); 8 (Modifiche delle Condizioni);

Magazine news

Versione stampabileVersione stampabile

Come Vivian Maier, ma in URSS

Di Giulio Mandara

Solo a fine 2017 la figlia di Masha Ivashintsova ha scoperto in un attico le oltre trentamila fotografie scattate dalla madre in quasi quarant'anni e quasi mai sviluppate. Le le ha raccolte in un sito “nella speranza che il suo lavoro e la sua storia abbiano un eco nell'animo di molti”

UN'ALTRA VIVIAN MAIER - La Vivian Maier russa. Così è stata soprannominata Masha Ivashintsova, nata a Leningrado nel 1942 e morta nel 2000, le cui fotografie sono state riscoperte in una soffitta dalla figlia e da suo marito solo alla fine del 2017. Masha infatti non le aveva quasi mai sviluppati, praticamente nessuno le aveva mai viste.


Nevsky Prospekt, Leningrado, URSS, 1975 C Masha Ivashintsova
Una manifestazione comunista a Leningrado

 

FOTO RISCOPERTE DALLA FIGLIA - Eppure si tratta di una produzione corposa e significativa: oltre 30000 fotografie, nota Petapixel, realizzate tra il 1960 e il 1999 fotografando quasi ogni giorno, finché ha potuto. E che ora Asya Ivashintsova-Melkumyan ha raccolto in un sito e in un profilo Instagram dedicati a far conoscere l'opera della madre, “nella speranza che il suo lavoro e la sua storia abbiano un eco nell'animo di molti”.


Marta, Leningrado, URSS, 1978 | Masha Ivashintsova

 

GENIO NASCOSTO - Un genio Masha Ivashintsova, riconosciuto dalla figlia e probabilmente ora da tanti altri, ma non si era mai considerata tale, e non aveva permesso ad altri di riconoscerla, tenendo nascosto il proprio lavoro. Scriveva Masha: “Ho amato senza memoria: non è un epitaffio a un libro che non esiste? Non ho mai avuto memoria per me stessa, ma sempre per gli altri”.
Eppure la fotografa di Leningrado era ben addentro il movimento poetico e fotografico clandestino della città tra gli anni Sessanta e gli anni Ottanta, e i suoi uomini sono stati geni dell'epoca: un fotografo, Boris Smelov, un poeta, Viktor Krivulin, e un linguista, Melvar Melkumyan, il padre di Asya. Rispetto a loro, come si scopre dai diari, Masha considerava il proprio talento banale.


Leningrado, URSS, 1974 | Masha Ivashintsova con l'amante, il fotografo Boris Smelov

 

UNA VITA DIFFICILE - Ed ebbe anche una vita infelice, Masha Ivashintsova: nata in una famiglia aristocratica, i cui beni – compreso un appartamento di lusso nel centro di Leningrado - furono sequestrati ai tempi della rivoluzione bolscevica – aveva iniziato a studiare danza, seguendo i desideri della nonna, ma dopo la morte di lei fu tolta dall'accademia e messa in un istituto tecnico. Svolse vari lavori, fu anche critica di teatro. Fotografava quasi ogni giorno, ma intanto entrò gradualmente in depressione, fino a perdere il lavoro nel 1981. Visse per 10 anni nei manicomi dell'Unione Sovietica, che cercava di inquadrare tutti nel regime comunista, e morì di cancro a 58 anni. Non un caso, secondo la famiglia: quell'esperienza, che era anche di assunzione forzata di droghe, l'aveva “spezzata”. Eppure lei, scrive la figlia Asya, “a quel mondo onnicomprensivo e urlante non avrebbe mai potuto adattarsi”. 


Leningrado, URSS, 1978 | Masha Ivashintsova
Questa foto alla scimmia incatenata che guarda fuori dalla finestra è secondo la figlia di Masha "una premonizione": tre anni dopo la fotografa sarebbe stata rinchiusa in un ospedale psichiatrico

 


Vologda, USSR, 1979 | Masha Ivashintsova

 

Fonte: Mashaivashintsova.com via Petapixel

Vota questo articolo:
0
Il tuo voto: Nessuno

Magazine

MAGAZINE

Kipon Elegant lenses
Kipon Elegant, le prime...
Il produttore di obiettivi e adattatori fotografici...
Leggi tutto »
Metz Mecablitz M360
Metz Mecablitz M360, flash...
Piccolo ma completo e facile da usare, Mecablitz M360...
Leggi tutto »
Altri articoli

Magazine

MAGAZINE

filtro nd manfrotto
Filtri Manfrotto
Il digitale imita l'effetto dei filtri colore, ma...
Leggi tutto »
Sony NEX-F3
La nuova mirrorless Sony d'ingresso fa un bel...
Leggi tutto »
Altri articoli

ULTIME DEL FORUM

Aiuto!!!

Ho cambiato PC ed ora non riesco più a caricare le
Leggi tutto»

Scusateeee

Scusatemi se sono un po' assente ma in questo
Leggi tutto»

Come si fa a cambiare indirizzo e-mail?

Come si fa a cambiare indirizzo e-mail nella propria
Leggi tutto»

Altre dal forum

Lezioni di fotografia

LEZIONI DI FOTOGRAFIA

foto di  Marco Mascia/ Fotozona
Teoria Noi siamo quello che abbiamo raccontato
L’esperienza condiziona il nostro modo di
Leggi tutto »
Pensieri,foto © Mauro Trolli/Fotozona
Teoria Lo sviluppo di un'idea
Presentare più immagini statiche insieme per
Leggi tutto »
Altre lezioni di fotografia

Mostre ed eventi

MOSTRE ED EVENTI

Nick Hannes, da Garden of delight, vincitore Zeiss Photography Award 2018
dal 22/11/2018 al 08/02/2019 Zeiss Photography Award 2019 premia l’originalità
La quarta edizione del contest “fratello”
Leggi tutto »
Virgilio Carnisio, Antica Osteria di Ronchettino. Milano, via dei Missaglia 139
dal 25/11/2018 al 13/01/2019 Dieci anni di foto della vecchia Milano
Le ha scattate tra il 1961 e il 1971 Virigilio
Leggi tutto »
Altre Mostre ed Eventi

Clicky