Richiedi una nuova password
Informazioni sul profilo utente
Gli spazi sono consentiti; la punteggiatura non è consentita ad eccezione di punti, trattini e underscore.
Un indirizzo e-mail valido. Il sistema invierà tutte le e-mail a questo indirizzo. L'indirizzo e-mail non sarà pubblico e verrà utilizzato soltanto se desideri ricevere una nuova password o se vuoi ricevere notizie e avvisi via e-mail.
Informazioni personali
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Informazioni privacy
Dichiaro di aver letto e di accettare completamente l'informativa sul trattamento dei dati il contratto d'uso del sito (consultabili qui) e di essere maggiorenne.
Autorizzo ESTREMA srl al trattamento dei dati per finalità connesse al servizio offerto da Fotozona.it, per analisi statistiche e sondaggi d'opinione e accetto di ricevere informazioni promozionali via email.
Ai sensi e per gli effetti degli artt. 1341 e 1342 del codice civile e delle norme del d. lsg. 206/2005 ("codice del consumo"), l'Utente dichiara di aver letto attentamente e di approvare tutte le clausule presenti nel Contratto e, in particolare, gli artt. 3 (Contenuti degli utenti); 4 (Rimozione di materiali immessi, trasmessi, comunicati e/o diffusi dall'Utente); 5 (Obblighi e garanzie rese dall'Utente); 6 (Responsabilità dell'Utente); 7 (Responsabilità di ESTREMA s.r.l.); 8 (Modifiche delle Condizioni);

Magazine news

Versione stampabileVersione stampabile

Andrea Rocchelli

Andy Rocchelli, il coraggio di un fotoreporter

Di Giulio Mandara

Ancora una vittima del reportage fotografico in zone di guerra, che ha portato alla notorietà del grande pubblico un giovane freelance ucciso in Ucraina. Alcune considerazioni e il suo racconto

LA MORTE DI ANDREA ROCCHELLI - Se non si trattasse di una vittima della guerra, e del suo lavoro sul fronte del conflitto in Ucraina, difficilmente i media si sarebbero occupati di Andrea Rocchelli. Un altro fotoreporter caduto sul lavoro, sabato scorso, 24 maggio. Eppure anche lui faceva parte del mondo dei media, ma dei fotografi I mass media parlano raramente, forse anche perché I documentaristi sono concorrenti di alcuni di essi come fonte d'informazione. Qui invece se ne parla, anche perché il luogo, Sloviansk, nella regione di Donesk, Ucraina orientale, è quasi quotidianamente sotto i riflettori dei media europei, certamente italiani.


Andrea Rocchelli (a destra) e Andrey Mironov, uccisi sabato scorso in Ucraina

 

TERZO FOTOGRAFO UCCISO IN POCHI MESI - A poche ore dai fatti quindi la notizia è nota, anche se in questo caso alle cinque domande del giornalismo classico (chi, cosa, quando, dove, perché) manca la risposta alla prima. I filorussi accusano l'esercito ucraino, che avrebbe sparato colpi di mortaio raggiungendo lui e il suo interprete russo, un altro Andrea, Andrey Mironov, 54 anni. La morte di Andrea Rocchelli ci colpisce, forse più ancora di quelle recenti di Anja Niedringhaus e di Camille Lepage, perché si tratta di un italiano. La cronaca si può leggere sui principali giornali: un taxi su cui viaggiavano i due crivellato di colpi di armi automatiche, un altro giornalista, francese, rimasto ferito nello stesso attacco e testimone dei fatti.


Qui sopra e di seguito, alcune foto da un reportage di Rocchelli a Kiev (da Cesura.it)

 

CHI ERA - Qui resta lo spazio alla riflessione, il dovuto omaggio ad Andrea Rocchelli, e la curiosità di conoscere meglio questo giovane professionista, appassionato del suo lavoro, e della verità che il lavoro gli permetteva di documentare, fino a rischiare la vita. Un'imprudenza calcolata, se si vuole. Ma i suoi amici e colleghi freelance del collettivo di CesuraLab, a Pianello, vicino a Piacenza, di cui era tra i fondatori, non ci stanno a sentirlo bollare come incauto. Andy di anni ne aveva trenta, e un figlio di due, ed era appassionato e competente nel suo lavoro. E onesto. E impegnato per i diritti civili: nato a Pavia e dopo aver studiato al Politecnico di Milano, Rocchelli aveva lavorato per la Grazia Neri Photo Agency. Dal 2008 ha cominciato a documentare nei suoi scatti, l'Italia, il fenomeno delle veline nella TV commerciale, ma anche la formazione dei sacerdoti nei seminari e la cronaca calabrese. Poi si è spostato all'estero, fissando nelle sue immagini gli abusi sui civili in vari luoghi dell'orbita ex-sovietica: nel Caucaso, in Cecenia e in Daghestan.
Poi è stata la volta della primavera araba, dal 2011: la Tunisia e la Libia ancora una zona calda, raccontata dai grandi media che però mettono in primo piano il video sulla singola immagine. E infine l'Ucraina Andrea però faceva qualcosa che i cineoperatori non sempre fanno (anzi, raramente): tornava sul luogo de fatti di cronaca (nera) a distanza di tempo, per approfondire, per trovare qualcosa di più, andare oltre, come ricorda Max Ferrero nell'editoriale che gli dedica.
Rocchelli ha lavorato ancora tra Mosca e Milano, da dove scriviamo, e ha lavorato per le ONG, ma anche pubblicato per Newsweek, Le Monde, The Wall Street Journal, Novaya Gazeta, giornale per il quale ha realizzato un reportage insieme ad Andrej Mironov, pubblicato il 19 maggio. Era tornato in Ucraina da pochi giorni, dopo un passaggio in Italia. Prima aveva fotografato gli scontri di piazza a Kiev.

 

NOTORIETÀ POSTUMA - Saranno ora i suoi amici, Luca Santese e Gabriele Micalizzi, tra gli altri, a riportarne a casa la salma. A noi non resta che ricordarlo con le sue foto, il suo lavoro, la sua passione. Foto che, denuncia un grande autore contemporaneo, Francesco Cito, per alcuni grandi media, che non raccontano la realtà nella sua durezza, valevano poco o niente, neanche un euro. Salvo celebrarlo al momento della scomparsa. Possibile che il valore umano e professionale, in questo caso di un fotografo, debba essere riconosciuto sempre e solo quando (e perché) muore, o peggio viene ucciso? 
Da ultimo, lasciamo la parola a lui, in un video di due anni fa in cui si racconta.

Vota questo articolo:
0
Il tuo voto: Nessuno

Commenti

Era il suo lavoro. Lo aveva

Era il suo lavoro. Lo aveva guidato la passione, la voglia e la curiosità di scoprire, conoscere e far conoscere. Noto la grande differenza tra i contenuti informativi delle immagini dei fotoreporter sul campo, che oserei dire appaiono quasi "crude", rispetto ai servizi giornalistici "standard"...Si respira il "vero". Questo senso del "vero" e "reale" appartiene alla bravura del fotografo.

Ritratto di ANGEL.ABBOTT008
di ANGEL.ABBOTT008

Iscritto dal 27 dicembre 2010

Magazine

MAGAZINE

foto instagram senza like (foto: Mitomorrow)
Instagram, “like” nascosti...
Dopo un test di alcuni mesi che ha coinvolto anche l...
Leggi tutto »
Logo Olympus
Olympus rimane nel mercato...
Smentiti, anche se in modo sfumato, i rumors che...
Leggi tutto »
Altri articoli

Magazine

MAGAZINE

filtro nd manfrotto
Filtri Manfrotto
Il digitale imita l'effetto dei filtri colore, ma...
Leggi tutto »
Sony NEX-F3
La nuova mirrorless Sony d'ingresso fa un bel...
Leggi tutto »
Altri articoli

ULTIME DEL FORUM

molto, MOLTO importante

Andate a leggere l'editoriale!! http://www.
Leggi tutto»

Caricamento foto

Ciao a tutti, non riesco a caricare le foto perch
Leggi tutto»

Il Maestro

Maestro è il termine comunemente usato su FZ per
Leggi tutto»

Altre dal forum

Lezioni di fotografia

LEZIONI DI FOTOGRAFIA

foto di Max Ferrero
Reportage Secondo emendamento
Con un reportage “di coppia” facciamo il
Leggi tutto »
Luna George Meliés
Fotoritocco La luna nel pozzo
Concludiamo il discorso sul color grading passando per
Leggi tutto »
Altre lezioni di fotografia

Mostre ed eventi

MOSTRE ED EVENTI

Valery Melnikov, Gray zone, Intarget Photolux Award 2019
dal 16/11/2019 al 08/12/2019 Photolux Festival, le mostre della grande storia
Alla 4° edizione della Biennale Internazionale di
Leggi tutto »
André Kertész, Fondazione Carisbo - Casa Saraceni, American Viscose
dal 24/10/2019 al 24/11/2019 La tecnosfera in dieci mostre
“Tecnosfera” è il nome dato da un
Leggi tutto »
Altre Mostre ed Eventi

n/d