Richiedi una nuova password
Informazioni sul profilo utente
Gli spazi sono consentiti; la punteggiatura non è consentita ad eccezione di punti, trattini e underscore.
Un indirizzo e-mail valido. Il sistema invierà tutte le e-mail a questo indirizzo. L'indirizzo e-mail non sarà pubblico e verrà utilizzato soltanto se desideri ricevere una nuova password o se vuoi ricevere notizie e avvisi via e-mail.
Informazioni personali
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Informazioni privacy
Dichiaro di aver letto e di accettare completamente l'informativa sul trattamento dei dati il contratto d'uso del sito (consultabili qui) e di essere maggiorenne.
Autorizzo ESTREMA srl al trattamento dei dati per finalità connesse al servizio offerto da Fotozona.it, per analisi statistiche e sondaggi d'opinione e accetto di ricevere informazioni promozionali via email.
Ai sensi e per gli effetti degli artt. 1341 e 1342 del codice civile e delle norme del d. lsg. 206/2005 ("codice del consumo"), l'Utente dichiara di aver letto attentamente e di approvare tutte le clausule presenti nel Contratto e, in particolare, gli artt. 3 (Contenuti degli utenti); 4 (Rimozione di materiali immessi, trasmessi, comunicati e/o diffusi dall'Utente); 5 (Obblighi e garanzie rese dall'Utente); 6 (Responsabilità dell'Utente); 7 (Responsabilità di ESTREMA s.r.l.); 8 (Modifiche delle Condizioni);

Magazine approfondimento

Versione stampabileVersione stampabile

6 antenati per tutti gli obiettivi

Di Giulio Mandara

Per quanto complessi, gli schemi ottici di tutti gli obiettivi oggi in uso sulle fotocamere derivano da pochi tipi base realizzati quasi tutti all'inizio del Novecento Vediamo perché e quali sono i modelli principali

Scorrendo la descrizione degli obiettivi, in particolare dello schema ottico, si ha la sensazione che si somiglino un po' tutti. E non è un caso: chi li disegna non parte da zero, ma dagli schemi esistenti, con lo scopo di correggerne il più possibile i difetti. Anche per le ottiche vale la legge darwiniana della sopravvivenza del più adatto: i modelli più riusciti vengono ripresi, copiati e modificati all'infinito, gli altri vengono abbandonati.

Peraltro alcuni schemi ottici sono stati scoperti ancora prima dell'invenzione della fotografia: la lente a menisco dimostra che piegare una lente semplice corregge le aberrazioni sferiche e la curvatura di campo di una lente solo concava o convessa. Mentre accostare due lenti in vetro con diverso indice di rifrazione e dispersione riduce le aberrazioni cromatiche.


I sei schemi ottici "capostipiti" di tutti gli obiettivi moderni

I CAPOSTIPITI - Il risultato è che le centinaia di ottiche oggi esistenti si possono far risalire a solo cinque tipi di ottiche già inventate all'inizio del Novecento e una attorno agli anni Trenta del secolo scorso: il Petzval Portrait, il Rapid Rectilinear, il Double Gauss, il Coocke Triplet, il Telephoto e il Reverse Telephoto (retrofocus), sviluppato per ultimo, negli anni Venti per le videocamere e negli anni trenta per le fotocamere.

 Dai primi tre derivano gli obiettivi a focale fissa tra i 50 e i 100 mm usati sulle reflex, e anche quelli per le macchine a telemetro, medio formato e le videocamere d'alta gamma.

Il Petzval Portrait, nata prima del 1850 e rimasto l'obiettivo per i ritratti per mezzo secolo; lenti di questo tipo sono state usate sui proiettori per diapositive e cinematografici fino agli anni Cinquanta.

Il Rapid Rectilinear, sviluppato attorno al 1860, è stato il primo obiettivo a schema simmetrico di buona qualità, usato per foto d'architettura e paesaggio fino al 1900.
Da questo deriva lo Zeiss Protar, detto Anastigmatico, progettato nel 1890, considerato il primo obiettivo per fotocamere moderno: da questo derivano gli Schneider Angulon e i Leica Super Angulon. Partendo dallo schema del Protar e distanziando maggiormente la lente frontale nasce lo schema ottico degli Zeiss Tessar. Da questo a sua volta, con diverse variazioni, derivano i Sonnar della stessa Zeiss, i Kodak Ektars, gli Schneider Xenars, i Voigtlander Heliostigmats e Skopars, e il Nikon 50 mm f/1.8

Il terzo tipo, Double Gauss, è ancora simmetrico, ma con lenti piegate a menisco verso il centro e le varie lenti sono distanziate. È il tipo che permette la massima apertura di diaframma mantenendo la qualità d'immagine. Partendo da questo obiettivo, lo stesso designer dei Tessar realizzò anche gli Zeiss Planar, in uso ancora oggi.

In un prossimo articolo vedremo gli altri schemi ottici.

Fonte: Lens Rentals
 

>VAI AL SECONDO ARTICOLO

 

>IN QUESTA LEZIONE TRATTIAMO LE CARATTERISTICHE BASE DEGLI OBIETTIVI

 

Vota questo articolo:
4
Il tuo voto: Nessuno Voto medio: 4 (1 voto)

Magazine

MAGAZINE

Fujifilm X-A7
Fujifilm X-A7, semplice ma...
La sfida per una mirrorless entry level è...
Leggi tutto »
iPhone 11
iPhone 11, arriva anche la...
La novità dell’ultima versione di iPhone...
Leggi tutto »
Altri articoli

Magazine

MAGAZINE

filtro nd manfrotto
Filtri Manfrotto
Il digitale imita l'effetto dei filtri colore, ma...
Leggi tutto »
Sony NEX-F3
La nuova mirrorless Sony d'ingresso fa un bel...
Leggi tutto »
Altri articoli

ULTIME DEL FORUM

Il Maestro

Maestro è il termine comunemente usato su FZ per
Leggi tutto»

Caricamenti

Buongiorbo. Perdonate il fuori tema. Non riesco a
Leggi tutto»

Fotografia o ritocco?

Secondo voi, dove finisce la fotografia quando si fa
Leggi tutto»

Dubbi o conferme?

Ciao a tutti, é un po' di tempo che non scrivo qualche
Leggi tutto»

Altre dal forum

Lezioni di fotografia

LEZIONI DI FOTOGRAFIA

Luna George Meliés
Fotoritocco La luna nel pozzo
Concludiamo il discorso sul color grading passando per
Leggi tutto »
dare carattere a una foto (foto di Max Ferrero)
Fotoritocco Dare carattere a una foto
Come lavorare con i Livelli di Photoshop per
Leggi tutto »
Altre lezioni di fotografia

Mostre ed eventi

MOSTRE ED EVENTI

Federico Borella, Five Degrees, Photographer of the year, SWPA 2019
dal 13/09/2019 al 03/11/2019 A Monza il Sony Awards 2019, con tanta Italia
Fino al 3 novmbre oltre 200 scatti in una nuova sede
Leggi tutto »
Manuel Cicchetti, Albero Vaia
dal 05/10/2019 al 03/11/2019 Vaia e le Dolomiti in bianco e nero
In mostra a Belluno per il Festival “Oltre le
Leggi tutto »
Altre Mostre ed Eventi

n/d