Richiedi una nuova password
Informazioni sul profilo utente
Gli spazi sono consentiti; la punteggiatura non è consentita ad eccezione di punti, trattini e underscore.
Un indirizzo e-mail valido. Il sistema invierà tutte le e-mail a questo indirizzo. L'indirizzo e-mail non sarà pubblico e verrà utilizzato soltanto se desideri ricevere una nuova password o se vuoi ricevere notizie e avvisi via e-mail.
Informazioni personali
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Informazioni privacy
Dichiaro di aver letto e di accettare completamente l'informativa sul trattamento dei dati il contratto d'uso del sito (consultabili qui) e di essere maggiorenne.
Autorizzo ESTREMA srl al trattamento dei dati per finalità connesse al servizio offerto da Fotozona.it, per analisi statistiche e sondaggi d'opinione e accetto di ricevere informazioni promozionali via email.
Ai sensi e per gli effetti degli artt. 1341 e 1342 del codice civile e delle norme del d. lsg. 206/2005 ("codice del consumo"), l'Utente dichiara di aver letto attentamente e di approvare tutte le clausule presenti nel Contratto e, in particolare, gli artt. 3 (Contenuti degli utenti); 4 (Rimozione di materiali immessi, trasmessi, comunicati e/o diffusi dall'Utente); 5 (Obblighi e garanzie rese dall'Utente); 6 (Responsabilità dell'Utente); 7 (Responsabilità di ESTREMA s.r.l.); 8 (Modifiche delle Condizioni);

Lezioni di fotografia

Versione stampabileVersione stampabile

Fotoritocco La correzione colore

Di Max Ferrero

Quali interventi applicare alle immagini Raw e perché: partiamo dalla tecnica oggettiva per passare poi all’aspetto creativo nei prossimi articoli

COLORI TRA REALTA' E RICORDI - Qual è il rapporto tra la realtà e la percezione che ne abbiamo? Non solo: qual è il rapporto tra il reale e il ricordo che abbiamo di esso? Domande difficilissime per dare una risposta esaustiva: il colore è una vibrazione, una frequenza di energia che può essere percepita in modo diverso da ogni singola persona e può avere sfumature dissimili anche nei singoli occhi della stessa persona che osserva. Quando noi esaminiamo una foto, non facciamo altro che mettere in relazione un risultato oggettivo e statico (la foto) con una sensazione soggettiva che vive di esperienze passate (il ricordo della realtà). I colori come si presentano nella memoria? Un po’ come nei film d’alta produzione: con una predisposizione dei colori in funzione dell’emozione che sentiamo o che vogliamo far provare. La felicità sarà luminosa e molto colorata, il dramma sarà scuro e desaturato. Il freddo e il caldo esalteranno sensazioni epidermiche e bagliori nelle alte luci conferiranno percezioni poetiche all’immagine.

Cercheremo di affrontare questo argomento interessantissimo partendo da basi quasi inconfutabili per poi addentrarci, nei prossimi articoli, in un ambito più artistico e “post prodotto”.


1 - Foto originale in RAW esportata in jpeg senza nessun intervento di postproduzione

 

Scattare con un file RAW significa essere sicuri d’ottenere dati digitali con la massima presenza d’informazioni. La sua capacità di registrazione è migliaia di volte superiore rispetto a un file jpeg, eppure, se non elaborato, corretto e abbellito, il RAW è sempre troppo “molle” e debole nei contrasti e nelle cromie. Tale risultato non deve essere visto come una debolezza del file grezzo della macchina, anzi, è proprio da questi supporti morbidi che è possibile ottenere tutte le altre variabili esistenti di contrasto e vibrazioni cromatiche. Le informazioni necessarie sono dentro il file, e bisogna impegnarsi con i programmi di fotoritocco per renderle visibili.

 


2 – Il carattere della fotografia è stato potenziato tramite l’utilizzo di Lightroom, si è incrementato di + 25 il contrasto, di +20 la rimozione foschia e + 30 la vividezza.

 

Consiglio di applicare le modifiche elencate nella didascalia della foto in modo universale. Tutte le immagini guadagnano una maggiore parvenza di nitidezza aumentando leggermente il contrasto luminoso, sembrano più vive e coinvolgenti se si agisce sulla forza dei colori e i comandi di rimozione foschia e vividezza sono più potenti e performanti del semplice incremento della saturazione.


3 – Sempre in Lightroom si sono applicati due filtri graduati; uno partendo dall’alto con + 8 di temperatura colore e -0,55 di esposizione e uno partendo dal basso con – 11 di temperatura colore e stessa sottoesposizione precedente.

 

La percezione visiva che abbiamo di una determinata scena è completamente modificata dall’attenzione e dal coinvolgimento che proviamo per essa. Il soggetto sarà sempre il punto più chiaro e luminoso del nostro ricordo mentre il resto potrà essere, al massimo, un ottimo fondale per gli attori principali.

 

Provocare una leggera sottoesposizione sfumata in alto e in basso (questo vale per la foto di esempio ma potrebbe funzionare benissimo anche se a destra e a sinistra) aiuterà l’osservazione a dirigersi verso la coppia. Aggiungere una leggera tonalità fredda sul prato e una calda sullo sfondo incrementerà lo stacco tra primo piano e sfondo sfruttando la regola del contrasto caldo/freddo.


4 – Procedendo nell’elaborazione su Photoshop è possibile potenziare gli interventi precedenti, conferendo una sensazione più calda e amorevole a tutta la scena.

 

Lightroom migliora le foto senza stravolgerle o alterarle troppo, Photoshop è il programma principe per l’esaltazione e la modifica di ciò che è immagine fotografica digitale. Partendo dai concetti espressi nel punto 3 si è proceduto a creare due livelli vuoti sopra il file originale.

Quello denominato “colore freddo” lo abbiamo impostato su fusione di livello MOLTIPLICA, applicando una spennellatura di tono verde su tutta la zona corrispondente al prato. Per non percepire macchie o spennellate antiestetiche è consigliabile applicare la tinta con un pennello grande impostato a durezza 0, l’opacità che ho utilizzato (cioè quanto il colore è coprente ad ogni passaggio) era solo del 6%, utile per eseguire modifiche delicate che possono potenziarsi con successivi passaggi. Moltiplicando i colori essi si sovrappongono e potenziano.

Il livello colore caldo, invece, è stato impostato con metodo di fusione SCOLORA (che è l’esatto opposto di MOLTIPLICA) applicando una tinta arancione, e si incrementano le luminosità e le tonalità calde della parte superiore dell’immagine.

 

NON ESISTE LA FOTO FOTOCOPIA - Solamente il confronto sovrapposto è in grado di far comprendere il risultato ottenibile con un minimo d’applicazione, solamente impiegando piccoli accorgimenti tecnici l’immagine originale acquisisce carattere e armonia. è importante esaltare il ricordo che abbiamo della foto, non l’ineccepibile realtà. Non facciamoci spaventare dai passaggi tecnici, sono facili da affrontare, e dimentichiamo la leggenda che asserisce: “le foto vere sono solo quelle non elaborate”. Il vero, se vive nel passato, non è misurabile, oltretutto le macchine fotografiche applicano la loro visione del reale e non c’è marchio o griffe che produca la stessa immagine dalla medesima scena. L’importante è l’emozione ottenuta, per il realismo portato agli eccessi ci sono ancora le fotocopiatrici, che per questo genere sono imbattibili.

Vota questo articolo:
0
Il tuo voto: Nessuno

Commenti

“le foto vere sono solo

“le foto vere sono solo quelle non elaborate"...un'asserzione da frantumare a martellate sull'incudine!!
Io credo che a volte bisognerebbe cambiare i vecchi "chip" che si sono formati nella mente e sostituirli con dei nuovi...

Ritratto di ANGEL.ABBOTT008
di ANGEL.ABBOTT008

Iscritto dal 28 dicembre 2010

tutto chiaro...

ma io non riesco a capire una cosa, ma quelle modifiche che hai fatto di un file "molle" e "bisogna impegnarsi con i programmi di fotoritocco per renderle visibili" dato che non sono così ecclatanti da trasvolgere l'immagine, non si riescono a fare con i comandi (curves, levels.ecc.ecc) selezionando le aree interessate, solo con photoshop ?

Ritratto di Licitralessandro
di Licitralessandro

Iscritto dal 14 settembre 2016

Sono altri metodi che non ti

Sono altri metodi che non ti danno lo stesso risultato, soprattutto se non hai selezionato o protetto bene le aree

Ritratto di ironwas
di ironwas [maestro]

Iscritto dal 17 novembre 2009

Potrebbe sembrare un articolo

Potrebbe sembrare un articolo banale ma racchiude tutto ciò che NON faccio!

Da mettere in pratica!

Ritratto di SimoneNoX
di SimoneNoX

Iscritto dal 05 settembre 2010

Magazine

MAGAZINE

Corel PaintShop Pro 2020
Corel PaintShop Pro 2020,...
Ogni aggiornamento porta maggiore rapidità di...
Leggi tutto »
Motorola One Action
Motorola One Action,...
Formato 21:9 e fotocamera ultra wide permettono di...
Leggi tutto »
Altri articoli

Magazine

MAGAZINE

filtro nd manfrotto
Filtri Manfrotto
Il digitale imita l'effetto dei filtri colore, ma...
Leggi tutto »
Sony NEX-F3
La nuova mirrorless Sony d'ingresso fa un bel...
Leggi tutto »
Altri articoli

ULTIME DEL FORUM

Il Maestro

Maestro è il termine comunemente usato su FZ per
Leggi tutto»

Caricamenti

Buongiorbo. Perdonate il fuori tema. Non riesco a
Leggi tutto»

Fotografia o ritocco?

Secondo voi, dove finisce la fotografia quando si fa
Leggi tutto»

Dubbi o conferme?

Ciao a tutti, é un po' di tempo che non scrivo qualche
Leggi tutto»

Altre dal forum

Lezioni di fotografia

LEZIONI DI FOTOGRAFIA

dare carattere a una foto (foto di Max Ferrero)
Fotoritocco Dare carattere a una foto
Come lavorare con i Livelli di Photoshop per
Leggi tutto »
Foto di Max Ferrero
Tecnica Il reportage e la storia per immagini
La valutazione di quattro maestri sul lavoro di alcuni
Leggi tutto »
Altre lezioni di fotografia

Mostre ed eventi

MOSTRE ED EVENTI

Olivo Barbieri, Adriatic Sea (dancing) people 2015
dal 14/09/2019 al 06/10/2019 Voghera Fotografia, sei storie di transiti
Sei sono i progetti principali attorno a cui si
Leggi tutto »
Joan Fontcuberta – Gibellina Selfie,© Gibellina PhotoRoad 2019
dal 26/07/2019 al 31/08/2019 Gibellina PhotoRoad, 35 mostre per raccontare la finzione
Seconda edizione dell’evento in una location
Leggi tutto »
Altre Mostre ed Eventi

n/d