Richiedi una nuova password
Informazioni sul profilo utente
Gli spazi sono consentiti; la punteggiatura non è consentita ad eccezione di punti, trattini e underscore.
Un indirizzo e-mail valido. Il sistema invierà tutte le e-mail a questo indirizzo. L'indirizzo e-mail non sarà pubblico e verrà utilizzato soltanto se desideri ricevere una nuova password o se vuoi ricevere notizie e avvisi via e-mail.
Informazioni personali
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Informazioni privacy
Dichiaro di aver letto e di accettare completamente l'informativa sul trattamento dei dati il contratto d'uso del sito (consultabili qui) e di essere maggiorenne.
Autorizzo ESTREMA srl al trattamento dei dati per finalità connesse al servizio offerto da Fotozona.it, per analisi statistiche e sondaggi d'opinione e accetto di ricevere informazioni promozionali via email.
Ai sensi e per gli effetti degli artt. 1341 e 1342 del codice civile e delle norme del d. lsg. 206/2005 ("codice del consumo"), l'Utente dichiara di aver letto attentamente e di approvare tutte le clausule presenti nel Contratto e, in particolare, gli artt. 3 (Contenuti degli utenti); 4 (Rimozione di materiali immessi, trasmessi, comunicati e/o diffusi dall'Utente); 5 (Obblighi e garanzie rese dall'Utente); 6 (Responsabilità dell'Utente); 7 (Responsabilità di ESTREMA s.r.l.); 8 (Modifiche delle Condizioni);

Fotografare senza essere contaminati. E' possibile oppure è solo un caso?

Mercoledì 23 ottobre 2019

Ciao tutti, mi rendo conto che leggere opinioni o articoli su FZ siche hanno, per svariati motivi, sia ormai un'attività riservata a pochi; ma il motivo non risiede nell'incapacità di scrivere o di leggere quanto piuttosto dalla mancanza di utenti che con il passare degli anni hanno preferito scegliere altre realtà.
Se una volta c'era interazione assidua oggi sto assistendo al lento declinare del sito.
Però, forse, qualche utente potrebbe essere interessato ad esprimere suggerimenti od opinioni riguardo a quello che mi sto apprestando a scrivere.
Personalmente mi capita spesso di sentire sconosciuti che mi fanno notare quanto le mie fotografie siano simili alle fotografie di grandi fotografi del passato; intendiamoci subito, non sono simili per qualità ma lo sono per i soggetti ritratti.
C'è chi mi chiede se io sia uno studioso delle foto di Basilico o di Fontana oppure se io sia uno studioso del minimalismo.
Niente di tutto questo nel senso che quando ho iniziato a fotografare la mia attenzione si è sempre rivolta alle forme, alle linee, alle curve, agli angoli etc etc e anche, udite udite, al colore. Io studioso del colore alla Fontana? Ma per favore, non riconosco un peperone rosso da un peperone verde e io sarei un esperto di colore? Eppure ci sono persone che non credono alla mia risposta e questo mi infastidisce.
La verità è che solo in seguito, dopo anni, ho iniziato a leggere od osservare i lavori dei grandi maestri e allora come si spiega tutto ciò?
Vi è mai capitato di osservare "foto della madonna" e ricordarvi di aver fatto una miriade di scatti simili magari 2 giorni prima? Nella più assoluta ignoranza?
Ebbene, tutto questo discorso per domandarmi se sia solo un caso...da cosa nasce tutto questo?
Forse non esistono più generi nuovi da fotografare ma sicuramente esistono ancora generi conosciuti da rivisitare con i mezzi moderni e con la propria "anima".
Se io avessi prima studiato la storia dei maestri del passato mi sarei ancora indirizzato verso gli stessi oppure mi sarei dedicato alla fotografia di still-life?

Ritratto di scaraluca
di scaraluca

Iscritto dal 08 marzo 2013

Risposte

Il mio primo reportage l'ho

Il mio primo reportage l'ho fatto nel 1984 e subito mi hanno fatto i complimenti dicendomi che qualche foto assomigliava al lavoro di William Klein.
Un paio di anni dopo ho iniziato un lavoro molto intenso nei campi nomadi di Torino e mi hanno detto che assomigliava al lavoro di Josef Koudelka..
Nei viaggi di piacere mi piace fare delle foto turistiche e leggere... in alcuni scatti mi hanno detto che potrei essere il McCurry di Torino...
Il servizio sugli stati uniti che sto facendo in questo periodo è stato paragonato al lavoro della Lange, di Walker Evans o Robert Frank.
Da giovane ero profondamente ignorante sui grandi della fotografia, a ogni complimento/insulto imparavo cose importanti fatte da qualcun altro molto prima di me.
In tutta la mia vita credo di aver inventato solo una cosa che è mia punto e basta, ho portato negli anni 80 un'intera tribù di Rom dentro il mio studio fotografico e ho scattato immagini della loro cultura in declino. Mi pubblicarono l'intero servizio sul giornale Nuova Ecologia un paio di mesi prima della chiusura definitiva dello stesso per mancai introiti pubblicitari. Ovviamente la mia fattura rimase scoperta e il mio lavoro nascosto nell'archivio perché a nessuno interessa se FAI cose particolari ma è catturata solo se SEI un personaggio e sai vendere l'aria fritta.
E' così e sono felice di aver fatto un sacco di scatti che assomigliano a quelli fatti da qualcun altro, purché sia un grande perché essere paragonato a uno scarpone mi farebbe girare molto le scatole.
Bravo Luca che tieni vivo questo angolo disperso di Fotozona.

Ritratto di ironwas
di ironwas [maestro]

Iscritto dal 17 novembre 2009

Grazie della risposta Max, a

Grazie della risposta Max, a me infastidisce che la gente non creda che una foto sia frutto della mia idea e non che venga paragonato a qualcun altro. Quello che ci circonda è uguale per tutti :-).
Solitamente quelli che non credono alla mia idea sono tuttologi della fotografia, delle specie di critici..ma che c.zo critichi? Hai mai conosciuto un bambino che dica che da grande vuole fare il critico? Ma piantatela di criticare in base all'entità del bonifico del "criticato" :-)

Ritratto di scaraluca
di scaraluca

Iscritto dal 08 marzo 2013

Io non conoscendo nessuno di

Io non conoscendo nessuno di nessuno, vivo sereno! ^_^
E comunque alla mia morte nascerà un nuovo stile il "gersismo" e tutti faranno a gara per dire che qualche loro foto assomiglia alle mie...!
Cosa impossibile in quanto, io, essendo un genio unico e completamente slegato da qualsiasi struttura e inquadramento, non posso essere replicato o imitato.
Sulla lapide dovranno scrivere : "la sua migliore qualità era la modestia"
Amen

Ritratto di gersio75lrs
di gersio75lrs

Iscritto dal 31 agosto 2011

Ciao Sergio, la tua

Ciao Sergio, la tua affermazione potrebbe sembrare balzana ma estremizzando il discorso è vera. Quando noi consideriamo "unico" un nostro simile stiamo, effettivamente, affermando una cosa vera e banale allo stesso tempo. Dovremmo imparare a non considerare uniche e speciali le persone che ci circondano; ad esempio l'errore più comune è considerare unici e speciali i nostri figli e probabilmente li facciamo poi crescere con la convinzione di essere meglio degli altri.
Ma la scienza insegna che come esseri umani abbiamo tutti 46 cromosomi ma il patrimonio genetico, in base a come si accoppiano le 4 basi del DNA, ci rende diversi da chi ci circonda e quindi va da sé che siamo per natura diversi e unici.
Ciò che conosciamo deriva dal passato e, chi più chi meno, evolve secondo le proprie innate capacità di sviluppo.
Poi possiamo anche riderci sopra, ci mancherebbe, ma non hai scritto una cazzata.
Siamo talmente diversi geneticamente che considerare qualcuno "unico" è solo un modo per farlo sembrare meglio di noi stessi..una sorta di comodità dialettica estremamente falsa e fuorviante.
Me racumandi, continua a considerarti geneticamente unico e non pensare alla scritta sulla lapide :-)

Ritratto di scaraluca
di scaraluca

Iscritto dal 08 marzo 2013

ciao Man! parto dalla fine,

ciao Man!
parto dalla fine, il riferimento alla lapide, è perchè nel 99% dei casi si viene scoperti solo da morti, e qui non vado avanti su un discorso immenso.
per quanto riguarda la genetica (lavoro in sanita' da 20 anni), dico che è vero quello che dici tu sul dna, ma molto fa come cresci, la latitudine nel mondo dove nasci,la capacità di riconoscere il proprio DNA e il proprio eventuale DONO e saperlo mettere in pratica.
Gli antichi greci usavano una definizione precisa per il dono... "zeia manìa" ovvero "divina follia" per indicare un creativo che per mettersi in pace con il tormento interiore artistico, doveva sfogare su una tela, statua ecc il proprio fervore...
questo per dire una cosa...che la fotografia per molti è catturare immagini, per molti è creare arte, per molti altri (penso anche per me) è una pulsione irrefrenabile per soddisfare una passione!
Riuscire a mescolarli tutti è l'unico modo per diventare un vero artista.
ciaooooo

Ritratto di gersio75lrs
di gersio75lrs

Iscritto dal 31 agosto 2011

Magazine

MAGAZINE

Leica M10-P Ghost Edition
Leica M10-P Ghost Edition,...
La “limited edition” - una delle tante di...
Leggi tutto »
Canon RF 70-200 mm f/2.8 L IS USM
Canon RF 70-200 mm f/2.8 L IS...
Due autorevoli furum riportano segnalazioni di vari...
Leggi tutto »
Altri articoli

Magazine

MAGAZINE

filtro nd manfrotto
Filtri Manfrotto
Il digitale imita l'effetto dei filtri colore, ma...
Leggi tutto »
Sony NEX-F3
La nuova mirrorless Sony d'ingresso fa un bel...
Leggi tutto »
Altri articoli

Lezioni di fotografia

LEZIONI DI FOTOGRAFIA

Finding vivian Maier
I grandi fotografi Vivian Maier
La vita, lo stile, il mistero di una grande fotografa
Leggi tutto »
foto di Max Ferrero
Reportage Secondo emendamento
Con un reportage “di coppia” facciamo il
Leggi tutto »
Altre lezioni di fotografia

Mostre ed eventi

MOSTRE ED EVENTI

Valery Melnikov, Gray zone, Intarget Photolux Award 2019
dal 16/11/2019 al 08/12/2019 Photolux Festival, le mostre della grande storia
Alla 4° edizione della Biennale Internazionale di
Leggi tutto »
André Kertész, Fondazione Carisbo - Casa Saraceni, American Viscose
dal 24/10/2019 al 24/11/2019 La tecnosfera in dieci mostre
“Tecnosfera” è il nome dato da un
Leggi tutto »
Altre Mostre ed Eventi

n/d